Arsenal, inno alla gioventù

L’11 gennaio 2017 si compiono 60 anni dalla fondazione della più giovane squadra del calcio grande d’Argentina.

arse

L’Arsenal vide la luce nel bar ‘Las 3 FFF’ di Sarandí, periferia sud di Buenos Aires che appartiene al distretto di Avellaneda, su iniziativa del futuro padre padrone del calcio argentino e numero due della FIFA, Julio Humberto Grondona.

Lo stesso Grondona, prima di dividersi col club del suo cuore cioè l’Independiente, ne fu il primo presidente precedendo di qualche decennio uno dei figli (Ricardo) che oggi ricopre la stessa carica mentre suo fratello Humberto che ne vestì anche la maglia è appena tornato ad assumerne la direzione tecnica.

I colori scelti, in omaggio al tifo dei fondatori per i due giganti di Avellaneda, furono il celeste del Racing per il fondo della maglia e il rosso dell’Independiente per la fascia trasversale sul petto nella casacca tradizionale.

L’affiliazione all’AFA data 1961 e l’esordio quale membro dell’Associazione fu un 1-1 col Piraña con gol di un altro Grondona, Héctor, anch’egli futuro presidente sia di Arsenal che di Independiente, valido per l’allora Primera D e disputato sul campo affittato all’Ateneo.

Lo stadio di proprietà lo si sarebbe inaugurato il 22 agosto 1964 con una vittoria per 2-0 sull’Almirante Brown, ma l’apertura ufficiale data 12 ottobre dello stesso anno con un’amichevole col Banfield persa per 1-2. Si trattava di una struttura in legno, che solo nel 2004 dopo lavori che costrinsero a giocare le partite casalinghe nell’impianto del Lanùs sarebbe stata sostituita da tribune in cemento.

arse_cancha

Fu però ancora nel cosiddetto Viejo Viaducto che il club conquistò la Prima Divisione, nel 2002, successo che sarebbe stato prodromo di un prestigioso record: benché la promozione in Primera División sia tutto sommato recente, infatti, l’Arse com’è popolarmente detto è una delle sole tre squadre argentine a non aver mai perso la massima categoria assieme a Boca e Defensa y Justicia.

Il palmarés del club, in quanto a trofei maggiori, si è arricchito negli ultimi dieci anni e comprende allori nazionali come internazionali. Come ricordato dalle scritte che campeggiano nello stadio, che non sorprende che porti il nome del suo primo presidente, può vantare una Copa Sudamericana (2007, nel cinquantesimo anniversario dalla fondazione), una Suruga Bank (2008), un campionato (2012), una Supercoppa argentina (2012) e una coppa nazionale (2012/13).

arse_

Questi successi ne fanno il club che più ha vinto ad Avellaneda negli anni Duemila.

A proposito, alcuni numeri circa la rivalità coi due maggiori club della zona che tanta parte hanno avuto nella sua storia benché in forma indiretta. In quanto a scontri diretti di tutti i tempi e per tutte le competizioni, sono 3 le vittorie di differenza in entrambi i casi: rispetto al Racing il saldo è negativo ma rispetto all’Independiente, invece, abbastanza sorprendentemente positivo.

Annunci

Informazioni su andreaciprandi

Mi chiamo Andrea A. Ciprandi e sono italiano. Nel corso degli anni ho seguito sia il calcio inglese che quello sudamericano, mentre ultimamente mi sto dedicando in particolare a quello argentino promuovendo iniziative divulgative a riguardo. Faccio parte del Departamento de Relaciones Internacionales del Racing Club di Avellaneda. Fra le collaborazioni più recenti, quella con il Club Atlético Boca Juniors e i Revisionistas Históricos del Fútbol Argentino, gruppo di ricercatori che si dedica fra l'altro alla corretta compilazione delle statistiche del calcio locale a partire da quelle dipendenti dall'equiparazione dei titoli del dilettantismo a quelli del professionismo (riconosciuta dall'AFA ma per lungo tempo negata dalla gran parte dei mezzi d'informazione e di conseguenza anche degli appassionati). In passato ho ideato, inaugurato e curato per alcuni anni il blog italiano di Riverplate.com, sito argentino fra i più popolari del Sud America. Sono titolare di RACINGCLUBITALIA.WORDPRESS.COM e CARBOLSO.WORDPRESS.COM, i primi siti interamente in italiano dedicati rispettivamente al Racing Club di Avellaneda e alla storia di Nacional e Peñarol, di PILLOLEARGENTINE.WORDPRESS.COM che invece fra il 2013 e il 2017 ha offerto notizie in breve e approfondimenti storici sul calcio argentino, e di ANDREACIPRANDI.WORDPRESS.COM in cui invece fino al 2016 ho raccolto tutti i miei articoli con la sola eccezione di quelli di Pillole Argentine, Racing Italia e Carbolso per cui prevedevo una semplice selezione. Calciostruzzo e Calciotradotto (da cui Calciomercato.com ha attinto alcuni articoli) sono stati invece i miei primi spazi personali online. Ho scritto inoltre su Gianlucarossi.it occupandomi prevalentemente di calcio internazionale e FC Inter News per le notizie dall'Argentina. Sempre in passato ho scritto anche per Toro News, Vavel.com di Madrid, Canal Fluminense e Comunità Italiana di Rio de Janeiro, World Striker di New York, la free-press San Siro Calcio, Sportmain.it, Magic Football, Calcioargentino.com e Giornalismo2012. Infine ho commentato il calcio estero per Radio Sportiva e saltuariamente intervengo su Telelombardia/Antenna3 per parlare di quello argentino. Se desiderate contattarmi, fatelo scrivendomi ad andrea.ciprandi@gmail.com o su Twitter @andreaciprandi. Vi risponderò con piacere.
Questa voce è stata pubblicata in arsenal, storia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...